CHAMPAGNE: quali vitigni?

Lo Champagne nasce dall’assemblaggio di tre possibili vitigni: Chardonnay (unico a bacca bianca), Pinot Noir e Pinot Meunier (entrambi a bacca nera).

Ma è sempre così? In realtà no. I vitigni che possono essere utilizzati sono ben sette. Oltre ai 3 principali sopra citati, si possono avere anche quattro varietà ormai diventate rare: Pinot Blanc, Pinot Gris, Petit Meslier e Arbane.

Se guardiamo la superficie vitata per tipologia, si capisce quanto i primi tre vitigni la facciano da padrone: Chardonnay (30%) – Pinot Noir (37,9%) – Pinot Meunier (31,8%). Quindi gli altri quattro rappresentano solo lo 0,3% della superficie vitata. Un’inezia. Questo il motivo per cui vengono sempre “dimenticati”. Ma ci sono produttori che li utilizzano per assemblare champagne rari come Les 7 di Laherte Frères (prima o poi ci faccio un pensierino e lo aggiungo come chicca alla mia cantina).

Ma torniamo ai tre principali vitigni per comprenderne qualche caratteristica:

  • Chardonnay: vitigno presente prevalentemente nella Côte des blancs. I vini a base Chardonnay sono caratterizzati da aromi delicati, note floreali, agrumi, e talvolta sono minerali. A lenta evoluzione, è l’uva ideale per l’invecchiamento dei vini.
  • Pinot Noir: perfetto su terreni calcarei e freschi, è il vitigno dominante della Montagne de Reims e della Côte des Bar. I vini risultanti si distinguono per gli aromi di frutta rossa e una struttura marcata e uniscono corpo e potenza.
  • Pinot Meunier: vitigno vigoroso è particolarmente adatto a terreni più argillosi, come quelli della valle della Marna; adatto a condizioni climatiche rigide. I vini risultanti sono morbidi e fruttati.

Infine dal colore della bacca possiamo facilmente dedurre che gli Champagne Blancs de Blancs sono ottenuti utilizzando solo Chardonnay (unico a bacca bianca); come detto otteniamo Champagne fini e freschi, ottimi per l’aperitivo e per accompagnare piatti a base di pesce e carni bianche.

Utilizzando invece Pinot Noir e/o Pinot Meunier, vinificati ovviamente in bianco, si ottiene lo Champagne Blancs de Noirs. Si ottengono Champagne un po’ più forti, con note speziate e frutta rossa. Vanno bene sia per l’aperitivo sia per accompagnare tutto il pasto.

Quali Champagne trovate su Wineman? Sia nelle Winebox sia nello store online Winemanshop troverete la tipologia che più si addice ai vostri gusti e ad ogni occasione!